• 01mag

    Chimera Industries

    Le Chimera Industries nascono alla fine degli anni 60, grazie ad una collaborazione tra i più eminenti scienziati e ricercatori nel campo della psicologia, psichiatria e medicina.

     Spinti dal desiderio di conoscere a fondo la mente umana e i comportamenti sociali intrapresi dall’essere umano, un piccolo team di medici e specialisti dà inizio ad una serie di ricerche e di test che si protraggono fino al giorno d’oggi, sondando fin nel profondo i recessi dell’istinto umano e le sue ripercussioni sul comportamento e sulla società.

     Grazie ai primi successi nel campo della neuropsichiatria e nella cura di disordini psicologici cronici, le Chimera Industries raggiungono un posto di rilievo nella comunità scientifica, dettando nuovi protocolli e nuovi standard di eccellenza.

    Nel 2003 il team R&S delle Chimera Industries riceve il prestigioso premio Graupmahn-DeVille per la Ricerca Medica Clinica, in merito al campionamento stocastico non lineare e al nuovo e rinnovato approccio all’interpretazione della piramide di Maslow circa i bisogni dell’essere umano standard.

     Le attività della Compagnia subiscono un notevole e brusco arresto all’inizio dell’anno 2006 a seguito di un’inchiesta aperta unitamente dal Ministero della Salute canadese e americano circa la qualità e il trattamento dei pazienti durante gli esperimenti e i trial medici relativi al progetto Mind Over Matter, intrapreso dalle Chimera Industries a partire dall’anno 2004. A seguito dell’inchiesta, 24 tra medici e infermieri delle Chimera vengono processati per torture, sevizie e violazione dei Diritti Umani.

    Il team di ricercatori delle Chimera viene sciolto. A tutt’oggi non si conoscono i nomi  facenti parte il progetto che non furono indagati dalle autorità.

     Nell’anno 2008, grazie ai fondi e alle donazioni da parte di aziende e istituzioni private, le Chimera Industries tornano sulle prime pagine dei giornali, annunciando un “cambiamento di rotta” e “una ritrovata spinta motivazionale e umana”. Viene bandito un concorso a livello mondiale per il reclutamento di personale medico che coinvolge quasi tutti i grandi nomi della medicina e della scienza attuale, culminando nel dicembre dello stesso anno con la nomina di un nuovo team che si è presentato al mondo come l’eccellenza nel campo della ricerca e della sperimentazione clinica.

     Nell’anno 2013, non senza difficoltà e strascichi di discredito da parte dell’opinione pubblica mondiale, le Chimera Industries lanciano il nuovo progetto White Room, con lo scopo di riprendere la ricerca intrapresa dal team predecessore, grazie anche al forte consenso trasmesso dai vertici del Governo e del Ministero della Salute statunitense. Il progetto mira a campionare e migliorare l’approccio psichico e clinico ai bisogni primali dell’essere umano.

     Nonostante i prestigiosi riconoscimenti e l’evidente contributo reso a tutta l’umanità, gli scienziati e i dipendenti delle Chimera Industries rimangono avvolti nell’ombra dell’anonimato, protetti dalle ingerenze e dagli interessi esterni estranei al mondo della ricerca e della scienza pura (secondo quanto scritto sulla “Lettera alla Comunità”, redatta e distribuita dall’azienda alle maggiori autorità nazionali e sovranazionali nell’anno 2009).

     Il reclutamento di pazienti volontari per il progetto White Room è tutt’oggi in corso.

    Non se ne conoscono ancora i dettagli.

    Seguici per scoprire nuove informazioni sullo sviluppo del gioco,iscriviti alla pagina di Facebook Huginn Studio  per rimanere aggiornato!

    Contenuto creato e di proprietà di “Huginn Studio di Daniele Bachicchi”. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.